Focus Efficienza Energetica

16.01.2023

Rete elettrica nazionale: risultato storico per Terna. 2,5 miliardi investiti in nuovi progetti

29 progetti approvati dal MASE e dagli Assessorati regionali per sviluppare la rete elettrica nazionale

Record storico per Terna. 2,5 miliardi di investimenti in nuovi progetti nel 2022. Un risultato estremamente importante, che permetterà di sviluppare la rete elettrica nazionale.

Già nel 2021 Terna aveva battuto ogni record precedente, con investimenti per 1 miliardo di euro, ma nel corso del 2022 sono stati autorizzati dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e dagli Assessorati regionali 29 interventi per un totale di 2,5 miliardi di euro.

 

Rete elettrica nazionale: dalla Lombardia alla Sicilia, tutti gli interventi

L’intervento più importante sia in termini di efficienza energetica sia per quanto riguarda la somma investita è il ramo Est del Tyrrhenian Link, la tratta che collega Campania e Sicilia del valore di oltre 1,9 miliardi di euro.

Tyrrhenian Link si caratterizzata per essere un successo anche dal punto di vista burocratico. Terna, infatti, ha accelerato le procedure autorizzative e solo in 11 mesi la procedura è stata avviata e, successivamente, approvata.

In merito ai dati regionali, la Lombardia si colloca al primo posto con 7 interventi autorizzati sul totale di 24 decreti approvati dal MASE e 5 da Assessorati regionali. Le nuove opere contano 130 milioni di euro di investimenti.

Fondamentale è sicuramente anche la linea Livigno-Permadio, collegamento da 65 milioni di euro volto a migliorare l’affidabilità dell’alimentazione e della resilienza della rete lombarda in vista dei Giochi olimpici e paralimpici Milano-Cortina 2026.

La Campania si colloca al secondo posto con 5 interventi. Seguono Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano con 4 interventi.

Interessanti i dati in merito alla regione Veneto, la quale conta il secondo intervento economicamente più importante, con l’elettrodo “Dolo-Camin”, il quale verrà realizzato tra le province di Venezia e Padova.

La linea permetterà di demolire quasi 32 km di elettrodi aerei coinvolgendo 7 comuni e sarà lunga 16,5 km di cavo interrato a 380kV.

La città metropolitana di Roma conosce il terzo intervento più importante, attraverso un cavo interrato di oltre 30 km e una nuova Stazione Elettrica.

 

Benefici economici e ambientali per il sistema elettrico nazionale

Gli investimenti di Terna apporteranno benefici sia in termini economici sia sull’ambiente.

Le nuove opere aumenteranno la resilienza e la sicurezza della rete elettrica italiana, permettendo anche una maggiore integrazione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili.

Questo avrà un impatto positivo sul Pil, sui posti di lavoro ma anche sulla posizione dell’Italia in riferimento al sistema elettrico europeo.

Ricadute positive anche sull’ambiente. I 700km di linee autorizzate nel 2022 saranno sottomarini o interrati, riducendo al minimo l’impatto paesaggistico. Il fatto che saranno interventi interrati o sottomarini è molto importante, perché in questo modo si restituiranno ettari di territorio alle comunità locali.

Focus Correlati

La sicurezza dell’impianto elettrico prima di tutto: la guida del CNI
Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha pubblicato un interessante documento che approfo...
MASE, 105 milioni per il collegamento elettrico sottomarino tra Calabria e Sicilia
La “Bolano-Annunziata”, il nuovo collegamento elettrico sottomarino garantirà qualità ener...
Tecnologie energetiche pulite, il mercato potrebbe valere 650 miliardi di dollari nel 2030. 14 milioni i nuovi posti di lavoro
Il rapporto di IEA sulle tecnologie energetiche pulite mostra uno scenario positivo, ma è...