Focus Eventi e formazione

16.11.2021

Si è conclusa la COP26: ecco gli impegni presi dall’Italia a Glasgow

La lista degli impegni presi e delle iniziative sostenute dall’Italia durante la COP26, la conferenza sul clima tenutasi a Glasgow nei giorni precedenti

Con la conclusione della COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Glasogow dal 31 ottobre al 12 novembre e presieduta dal governo inglese, il Ministero della Transizione Ecologica ha raccolto un elenco delle iniziative sostenute e degli impresi presi a livello internazionale dall’Italia, per la tutela del clima, che riportiamo di seguito.

 

International Aviation Climate Ambition Coalition, per raggiungere l’obiettivo emissioni zero entro il 2050.

Nonostante i problemi economico-sociali derivati dalla pandemia da coronavirus, quella dell’aviazione internazionale è un’industria che, secondo gli esperti, continuerà a progredire nei prossimi decenni, ed è per questo motivo che è molto importante intraprendere azioni che la rendano più sostenibile.  I paesi firmatari si impegnano a promuovere l’uso di carburanti sostenibili che siano responsabili di un ridotto quantitativo di emissioni inquinanti nel loro ciclo di vita, insieme allo sviluppo di nuove tecnologie aeronautiche innovative e sostenibili.

 

Clydebank Declaration For Green Shipping Corridors, per creare rotte marittime a zero emissioni tra più porti.

L’obiettivo è creare diversi corridoi verdi entro il 2030, tramite delle partnership per velocizzare la decarbonizzazione del settore marittimo, e delle azioni mirate per fronteggiare gli ostacoli che si incontreranno nella realizzazione di questo progetto, sia a livello normativo che infrastrutturale.

 

Breakthrough Agenda

I paesi firmatari devono lavorare sulle tecnologie pulite e sulle soluzioni sostenibili per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, producendo rapporti e discussioni sullo stato della transizione ecologica, con valutazioni da parte dell’IEA e dell’IRENA, e incoraggiando nuovi impegni in diversi settori. Inoltre, sarà stabilito anche un Global Checkpoint Process, che servità a monitorare i progressi delle iniziative.

 

Co-Chairs Conclusions of Education And Environment Ministers Summit at Cop26

Un impegno che nasce dalla consapevolezza dell’importanza dell’educazione, e quindi di fornire alla società conoscenze, abilità,  valori e approcci necessari alla comprensione dell’urgenza della questione climatica, per movimentare l’impegno di tutti, partendo proprio dall’istruzione. Sarà necessario integrare la sostenibilità nei sistemi di istruzione, sia a livello pubblico che privato, lavorando con diversi partner, puntando anche (e soprattutto) sui giovani.

 

Supporting the Conditions for a Just Transition Internationally

Per una giusta transizione, che garantisca nuovi posti di lavoro, crescita e prosperità economica, soprattutto in vista della ripresa dal Covid. Riguarderò tutte le azioni volte a tutelare quelle fasce che sono più colpite dai cambiamenti climatici e a promuovere il dialogo sociale e il coinvolgimento delle parti interessate.

 

Global Coal to Clean Power Transition Statement, per la decarbonizzazione entro il 2030.

Uno degli obiettivi più urgenti per contrastare i cambiamenti climatici è fermare la realizzazione di nuovi impianti per la produzione di energia a carbone e dei progetti che coinvolgano questo combustibile fossile, possibilmente in tutti i paesi.  Ma per raggiungere questi obiettivi è necessario prevedere delle grandi forme di sostegno alle economie, ai paesi e alle persone che maggiormente risentiranno della decarbonizzazione.

 

Statement on International Public Support for the Clean Energy Transition

È l’impegno per la rinuncia ai combustibili fossili e per il sostegno alla transizione verso l’energia pulita: riguarda tutte le azioni da intraprendere per mettere fine al sostegno e ai finanziamenti alle iniziative che riguardano i combustibili fossili. Si tratta di una questione particolarmente importante per la riduzione delle emissioni di gas serra, ed è per questo motivo che si cercherà di coinvolgere anche altri governi e istituzioni finanziarie in questo progetto.

 

Green Grids Initiative – One Sun One World One Grid: One Sun Declaration, per la creazione di reti verdi globali interconnesse.

Con l’aiuto e la collaborazione di appositi gruppi di lavoro formati da governi interessati, regolatori, finanziatori, istituzioni, aziende, legislatori e ricercatori, dovranno essere realizzati maggiori investimenti nel solare, nell’eolico, nell’accumulo energetico. Si punta inoltre a costruire delle linee di trasmissione transfrontaliere a lunga distanza per collegare domanda e produzione di energia rinnovabile , tramite appositi strumenti finanziari e di mercato.

 

Forests, Agriculture and Commodity Trade

Per promuovere lo sviluppo del commercio sostenibile di prodotti agricoli, proteggendo l’agricoltura e le foreste, fermare lo sfruttamento del suolo e l’utilizzo non sostenibile delle aree destinate alle attività agricole che provocano gravi danni al nostro ambiente e proteggere la biodiversità dagli impatti dei cambiamenti climatici.

 

Glasgow Leaders’ Declaration on Forests and Land Use

I paesi firmatari riconoscono l’importanza delle foreste, della biodiversità e dell’utilizzo sostenibile del suolo per eliminare le emissioni inquinanti e raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Si tratta della riaffermazione degli impegni presi per la tutela del suolo, ma viene riconosciuto che servono azioni più forti e il sostegno di tutti i settori per la conservazione delle foreste, favorire le materie prime sostenibili, migliorare le realtà rurali, incentivare l’agricoltura sostenibile, aumentando gli investimenti e i finanziamenti.

 

Beyond Oil and Gas Alliance (Boga)

Si tratta di una coalizione internazionale creata da Costa Rica e Danimarca per la graduale eliminazione di petrolio e gas, a cui l’Italia aderisce come “Amico di BOGA”, sostenendo una transizione ecologica globale che sia giusta ed equa a livello sociale e impegnandosi ad adottare misure efficaci per raggiungere gli obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi e quelli nazionali la neutralità climatica.

Focus Correlati

La piattaforma Terna4Green per il monitoraggio della decarbonizzazione del sistema elettrico italiano
Terna lancia una nuova piattaforma digitale e  interattiva per osservare l’andamento della...
La COP26 dichiara guerra al carbone, ma il gas naturale non potrà essere il combustibile “ponte” per la transizione energetica
Climate Analytics pone l’accento sulla questione del gas naturale: anch’esso inquina, ma l...