Gli speciali

Il grande valore dell’acqua per il comfort domestico

A cura di: Maurizio Cudicio

Il grande valore dell’acqua per il comfort domestico

I trattamenti per dare nuova vita alle acque reflue

Le risorse idriche da sempre determinano la nostra sopravvivenza e per questo motivo è importante tutelarle, evitandone gli sprechi e ideando soluzioni sostenibili per recuperarle e riutilizzarle. Pensiamo a quanta acqua consumiamo quotidianamente: durante una doccia, mentre ci laviamo i denti, quando cuciniamo, utilizziamo enormi quantità d’acqua che vengono irrimediabilmente perse. Ecco perché il tema del recupero dell’acqua utilizzata negli ambienti domestici è di vitale importanza, perché se vogliamo preservare questa risorsa estremamente vitale per l’uomo e per tutto l’ecosistema è necessario trovare soluzioni tecnologiche adatte al raggiungimento di questo scopo.

Ma è davvero possibile recuperare e riutilizzare l’acqua che viene consumata abitualmente all’interno di un’abitazione?

La risposta è sì. Esistono infatti diverse e interessanti tecnologie grazie alle quali è possibile il recupero e il riutilizzo di:
  • acque grigie
  • acque nere
  • acque piovane

Il decreto n.185 del 12 giugno 2003 ha stabilito le norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue, secondo quanto disposto dal decreto legislativo 152/99, disciplinando il riutilizzo delle  acque  reflue  domestiche,  urbane  ed  industriali attraverso  la  regolamentazione  delle  destinazioni  d'uso  e   dei relativi requisiti di qualità, ai fini della  tutela  qualitativa  e quantitativa delle risorse idriche, limitando il prelievo delle acque superficiali e sotterranee, riducendo l'impatto  degli  scarichi  sui corpi idrici recettori  e  favorendo  il  risparmio  idrico  mediante l'utilizzo multiplo delle acque reflue.

Per riuscire a recuperare e riutilizzate l’acqua che viene consumata negli ambienti domestici è fondamentale prevedere reti divise per:
  • lo scarico acque nere
  • lo scarico acque grasse da cucina
  • lo scarico acque grigie
  • le acque pluviali e la condensa degli impianti di climatizzazione

Il riutilizzo deve avvenire in condizioni di sicurezza ambientale, evitando alterazioni di ecosistemi, suolo  e colture, nonché' rischi igienico-sanitari per la popolazione  esposta, e nel rispetto delle  vigenti  disposizioni  in  materia  di sanità e sicurezza e delle regole  di  buona  prassi  industriale  e agricola per l’ambiente e per la salute dell’uomo.
Il recupero delle acque reflue ha come obiettivi:
  • la limitazione del prelievo delle acque superficiali e sotterranee
  • la limitazione dell’impatto degli scarichi sui corpi idrici recettori
  • il risparmio idrico