Speciale 167
Il recepimento della direttiva EPDB III: la definizione di generatore, di impianto termico e il significato di sistema tecnico per l’edilizia
28.07.2021
Articolo
Redattore: Cudicio Maurizio

Le premesse della Direttiva europea EPDB III

La direttiva 2018/844/UE, comunemente detta EPBD III (Energy Performance Of Buildings Directive) è costituita da 5 articoli (in ordine: modifiche della direttiva 2010/31/UE, modifica della direttiva 2012/27/UE, recepimento, entrata in vigore e destinatari) e da una lunga premessa dalla quale si evince quali siano gli obiettivi dell’Unione e dove vadano concentrati gli sforzi degli Stati membri per il miglioramento dell’efficienza energetica.

In tale premessa si legge subito che l’Unione Europea è determinata nell’impegno per lo sviluppo di un sistema energetico sostenibile, competitivo, sicuro e decarbonizzato, e vengono ribaditi gli ambiziosi obiettivi fissati dall’Unione per il 2030, ossia:
 
  1. la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 40% entro il 2030 rispetto ai valori registrati nel 1990;
  2. l’aumento della quota di consumo di energia da fonti rinnovabili;
  3. la realizzazione di un risparmio energetico conformemente alle ambizioni a livello dell’Unione;
  4. il miglioramento della sicurezza energetica, la competitività e la sostenibilità dell’Europa.
 
La Commissione europea ha ritenuto necessario, dopo aver approfondito le modalità con cui gli Stati membri hanno attuato la precedente direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia, effettuare delle modifiche per rafforzarne le disposizioni e semplificarne alcuni aspetti.

Per arrivare all’obiettivo a lungo termine che prevede il raggiungimento di un sistema energetico sostenibile, competitivo, sicuro e decarbonizzato entro il 2050, l’Unione Europea ha stabilito che gli Stati membri debbano adottare misure per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e decarbonizzare il parco immobiliare, dal quale proviene più di un terzo delle emissioni totali di CO2 di cui è responsabile il vecchio continente, dove metà dell’energia è impiegata nel settore del riscaldamento e del raffrescamento.

Ecco perché i governi degli Stati europei devono orientare le loro azioni politiche e gli investimenti verso iniziative di ristrutturazione degli immobili che favoriscano l’efficienza energetica e che tengano conto del pericolo degli incendi e dell’attività sismica, stabilendo risultati attesi e monitorando l’andamento delle loro strategie.
 
Stando alla valutazione d’impatto della Commissione, la ristrutturazione dovrebbe avvenire a un tasso medio del 3% annuo per realizzare in modo efficace in termini di costi i sopra descritti obiettivi, considerando che ogni punto percentuale di aumento del risparmio energetico riduce le importazioni di gas del 2,6%, gli sforzi e la strategie tesi ad accrescere la prestazione energetica nell’edilizia contribuiscono attivamente all’indipendenza energetica dell’Unione e hanno anche grandi potenzialità in termini di creazione di occupazione: in siffatto contesto, gli Stati membri devono stabilire un collegamento tra le suddette strategie di ristrutturazione a lungo termine e le iniziative pertinenti volte a promuovere lo sviluppo delle competenze e la formazione nei settori edile e dell’efficienza energetica.
 
Oltre alle migliori prestazioni energetiche, è importante che gli interventi nel patrimonio edilizio contribuiscano a creare un ambiente interno salubre, favorendo un corretto isolamento termico degli edifici e assicurando così maggiore comfort e benessere agli occupanti.
Ma le misure per l’efficientamento energetico nell’edilizia non devono limitarsi all’involucro, ma devono includere tutti gli elementi pertinenti e i sistemi tecnici dell’edificio, valutando anche opzioni di tipo “passivo” che contribuiscano alla riduzione del fabbisogno energetico per riscaldamento o raffrescamento e del consumo energetico per illuminazione e ventilazione.

Per raggiungere questi obiettivi è necessario che gli Stati membri attivino meccanismi finanziari e incentivi per agevolare le ristrutturazioni del loro parco immobiliare, e affinché queste misure siano applicate in maniera corretta, è opportuno...


 

In questo Speciale

Il Decreto per il recepimento della Direttiva EPDB III
Con il D.Lgs. 10 giugno 2020, n.48 anche in Italia viene recepita la direttiva europea sul...
Pompe di calore monoblocco ad alta potenza ModuExpo HT: efficienza ottimale ed elevate prestazioni.
Paradigma presenta la gamma di pompe di calore monoblocco ModuExpo HT
L’isolamento Trocellen a lunga durata per gli impianti termici
Trocellen presenta la gamma di isolamento Guaine, Isocompact e Trocellen Class
La nuova gamma Fernox Express
La nuova gamma Fernox Express per la pulizia e il mantenimento degli impianti