Speciale 172
Il quadro dei sistemi incentivanti in Italia per l'installazione delle pompe di calore
29.04.2022
Articolo

Il Conto Termico per pompe di calore, scalda acqua a pompa di calore e impianti ibridi a pompa di calore

Il Conto Termico è l’incentivo per gli interventi per l'incremento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni, ed è destinato a:

  • amministrazioni pubbliche, che possono richiedere l’incentivo per entrambe le tipologie di intervento (DM 16 febbraio 2016 art. 4.1 e art. 4.2 con modalità allegati I e II);
  • soggetti privati (persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario), che possono accedere agli incentivi solamente per gli interventi di piccole dimensioni per impianti destinati alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili (DM 16 febbraio 2016 art. 4.2 con modalità allegato II).

I soggetti ammessi potranno accedere all’incentivo direttamente, in qualità di soggetto responsabile, oppure avvalendosi di una ESCo (Energy Service Company), tramite la stipula di contratti di prestazione o di servizi energetici, che sia in possesso della certificazione UNI CEI 11352, in corso di validità alla data di presentazione dell’istanza.

La richiesta di accesso a questo incentivo, che viene gestito dal GSE e che non è cumulabile con altri bonus, può avvenire in maniera diretta o tramite prenotazione, e può essere presentata:

  • dal soggetto che ha sostenuto le spese dell’intervento e che dispone dell’edificio/unità immobiliare su cui l’intervento e/o la misura di efficienza energetica è stata realizzata;
  • dalla ESCo.

Tra le agevolazioni del Conto Termico rientra anche l’installazione di pompe di calore, scalda acqua a pompa di calore e impianti ibridi a pompa di calore, a patto però che si tratti di interventi per la sostituzione di impianti esistenti e non per nuove realizzazioni. La percentuale di spesa riconoscibile per questi interventi può essere al massimo del 65%, in funzione delle caratteristiche dell’impianto.

Una volta ottenuto esito positivo per la richiesta di accesso al Conto Termico, gli incentivi vengono corrisposti dal Gestore dei Servizi Energetici in rate annuali costanti per un biennio (nel caso delle pompe di calore) oppure in un'unica soluzione nel caso in cui l'importo del beneficio riconosciuto non superi i 5.000 euro.

 

In questo Speciale

Le pompe di calore: una tecnologia efficiente e sostenibile, agevolata da molti bonus
I vantaggi degli impianti a pompe di calore sono notevoli e trasversali: per questo motivo...
Bonus casa: l’incentivo per le pompe di calore per le ristrutturazioni al 50%
Le pompe di calore sono agevolate al 50% quando vengono installate nell’ambito di ristrutt...
Agevolata al 65% l’installazione di pompe di calore con l’Ecobonus per la riqualificazione energetica
L’Ecobonus consente di ottenere un’agevolazione del 65% per l’installazione di pompe di ca...
Incentivi per le pompe di calore anche con Superbonus 110
Le agevolazioni previste dal Superbonus 110 per la sostituzione degli impianti di climatiz...