News azienda

Contabilizzazione del calore e efficienza energetica. A Trieste AiCARR fa chiarezza con un incontro per i professionisti

La riqualificazione degli edifici è un argomento all’ordine del giorno. Si sente parlare di ponti termici, edifici colabrodo e fughe di calore che rendono gli edifici poco efficienti e non rispettosi della normativa più recente. Per analizzare le modalità di attuazione del D. Lgs. 102/2014, le specifiche dei sistemi di contabilizzazione del calore e le soluzioni tecnologiche disponibili, AiCARR organizza per il 20 febbraio un incontro rivolto ai professionisti del settore.   
 
Per ottenere l’efficienza energetica prevista dalle Direttive in ambito di riqualificazione degli edifici, i sistemi radianti in basso spessore con i relativi dispositivi di regolazione e le unità di trattamento dell’aria possono essere la soluzione migliore. Essi permettono infatti un adeguato controllo delle condizioni termoigrometriche dell’ambiente con una limitata invasività.
 
Tra le più recenti normative sull’argomento c’è la Direttiva 2012/27/UE, recepita in Italia dal D.Lgs. 102/2014, che stabilisce la necessità di installazione di contatori individuali per misure di consumo in ciascuna unità abitativa di condomini riforniti da una fonte di energia termica centralizzata (se questa installazione è tecnicamente possibile ed economicamente efficiente).
 
La stessa norma stabiliva inoltre nel 31 dicembre 2016 la data limite per l’installazione di ripartitori per la misurazione del consumo di calore su ciascun radiatore, nei casi in cui l’installazione di singoli contatori non fosse possibile.
 
Chiaramente l’installazione di sistemi di contabilizzazione “diretti” e di ripartizione “indiretti” presenta costi, principi di misura e prestazioni metrologiche diverse. I sistemi diretti sono inoltre più efficaci nella misurazione mentre i sistemi per la ripartizione indiretta sono caratterizzati da un’incertezza di misura in campo molto variabile. Questi ultimi non presentano specifiche prestazioni metrico legali e sono soggetti a varie problematiche di installazione. Nonostante ciò esistono delle specifiche normative tecniche nazionali ed europee a cui il costruttore può richiamarsi per valutare la conformità del prodotto.
 
Questo settore, come si è potuto evincere, è caratterizzato da incertezza e varie complessità. È sulla chiarificazione di queste problematiche che si concentrerà l’incontro AiCARR “Massimizzare l’efficienza energetica negli impianti HVAC: il bilanciamento idronico statico e dinamico. Componenti, strategie progettuali, schemi applicativi” organizzato dall’associazione per il 20 febbraio, ore 15, a Trieste.
 
Per partecipare all’incontro, che permetterà a Periti Industriali e Ingegneri di ottenere degli utili crediti professionali, è necessario iscriversi entro il 17 febbraio. I contenuti previsti sono:
• Analisi delle problematiche di attuazione del D.Lgs 102/2014 in materia di contabilizzazione del calore nei sistemi di riscaldamento, raffreddamento e fornitura di acqua calda sanitaria;
• Analisi delle problematiche tecnologiche ancora esistenti per quanto riguarda i sistemi di contabilizzazione del calore diretti ed indiretti;
• Analisi delle soluzioni tecnologiche disponibili.
 
Ottenere maggiori informazioni o effettuare l’iscrizione all’incontro AiCARR “Massimizzare l’efficienza energetica negli impianti HVAC: il bilanciamento idronico statico e dinamico. Componenti, strategie progettuali, schemi applicativi” è possibile attraverso il sito web dell’Associazione

Altre news da AiCARR