Focus risparmio energetico

Piano Energia e Clima: complimenti della Commissione UE all’Italia

In un incontro con il Sottosegretario Crippa, il Commissario Europeo per l’azione per il Clima e l’Energia ha giudicato il PNIEC come uno dei più ambiziosi

DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE
Il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima ha ricevuto il plauso dell’UE nelle parole che il Commissario Europeo per l’azione per il Clima e l’Energia, Miguel Aria Cañete, ha rivolto venerdì scorso al Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Davide Crippa.
 
“E’ stato un incontro positivo nel quale abbiamo fatto il punto della situazione sulla transizione energetica dell’Italia e dell’Unione Europea. Mi ha fatto molto piacere ricevere i complimenti del Commissario Cañete sul Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC), che è considerato uno dei più ambiziosi tra tutti quelli presentati.” Queste le prime dichiarazioni del Sottosegretario Crippa dopo l’incontro tenutosi al Ministero dello Sviluppo Economico, durante il quale il rappresentante europeo e Crippa hanno analizzato i prossimi passi che dovranno essere intrapresi dagli Stati Membri dell’UE per procedere lungo il processo evolutivo verso un’Europa decarbonizzata, energicamente efficiente e più legata all’utilizzo di fonti rinnovabili.
 
Stando alle parole del sottosegretario “La Commissione Europea considera il PNIEC ben sviluppato e in linea con i requisiti richiesti. Il Commissario Caňete ha parlato di un piano di alto livello, ben preparato e con una grande quantità di informazioni che avrà bisogno di un monitoraggio costante da parte dell’Italia affinché possa raggiungere gli obiettivi prefissati”.
 
Crippa ha colto quest’occasione d’incontro come l’opportunità per ribadire che il processo di decarbonizzazione non dovrebbe arrivare a costare più ad alcuni Stati che ad altri, sappiamo infatti che i meccanismi regolatori di mercato di alcuni Paesi europei hanno effetti negativi sui prezzi di acquisto del gas in Italia.

Il Sottosegretario in relazione a questa problematica ha spiegato: “Abbiamo chiesto maggior attenzione nella valutazione di come i singoli Stati membri recepiscono gli oneri del trasporto. La decarbonizzazione che riguarda i nostri processi produttivi, deve prevedere la possibilità di ricevere finanziamenti europei o dai singoli Stati membri senza essere messa sotto la lente d’ingrandimento come aiuti di Stato, perché l’obiettivo non è del singolo Paese ma è anche europeo. Abbiamo ribadito, infine, le richieste rispetto al decreto FER segnalando come un percorso di valutazione di 5 mesi rallenta le tempistiche previste per il raggiungimento di target e obiettivi”.
 
DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE
Articolo: Piano Energia e Clima: complimenti della Commissione UE all’Italia
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

Piano Energia e Clima: complimenti della Commissione UE all’Italia

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.