Gli speciali

Cambia l’etichetta energetica, ma è davvero uno strumento utile?

Realizzato in collaborazione con:

Il 1 Marzo 2021 avverà il definitivo passaggio alla nuova etichetta energetica per una serie di prodotti regolati dal Regolamento quadro europeo 2017/1369. Le nuove etichette daranno evidenza di una nuova scala comune per i prodotti più efficienti, nella quale non saranno più presenti le classi A+, A++ e A+++, ma tutti gli apparecchi dovranno essere categorizzati in una scala da A a G. Le nuove etichette, inoltre, saranno caratterizzate da una grafica che include un QR code che permette di ottenere maggiori informazioni sul prodotto attraverso il proprio smarthpone.

Ripercorriamo in questo Speciale ExpoClima le ragioni che hanno portato all’introduzione dell’etichettatura energetica, la normativa di settore e le conseguenze di questo approccio all’efficienza energetica.

Obiettivi di sostenibilità ed efficienza: nascono Ecodesign ed Etichetta energetica

L’origine normativa dell’obbligo di etichettatura energetica e l’approccio introdotto con l’Ecodesign

Gli obiettivi europei e i fondamenti normativi che hanno introdotto Ecodesign ed Etichetta energetica

La normativa sull’Etichetta Energetica e i prodotti coinvolti dall’Ecodesign

Un excursus sulla Direttiva Etichetta Energetica e la fondamentale distinzione con la Direttiva Ecodesign

I principali contenuti del Regolamento (UE) 2017/1369 e delle successive direttive di attuazione

Etichetta energetica e bonus fiscali: una connessione fondamentale

L’efficienza energetica, anche in assenza di etichetta energetica, è elemento fondamentale per l’accesso a numerosi incentivi

Detrazioni fiscali ed apparecchi efficienti: gli strumenti normativi utili per ottenere i bonus previsti dalla legge

Etichetta energetica ed Ecodesign, futuri approcci

La possibile evoluzione della normativa su etichetta energetica ed ecodesign, alla luce dei risultati finora ottenuti in UE

Il trend positivo dei risultati ottenuti grazie all’applicazione dell’etichetta energetica e dell’ecodesign lascia spazio a nuove proposte per il futuro