Focus progetti

ENEA guida un progetto da 2,7 milioni di euro per ridurre i costi dell’idrogeno verde

Il progetto europeo PROMETEO coinvolgerà diverse realtà europee per riuscire a portare il costo dell’idrogeno verde a meno di 2€ al kg

Al via il progetto PROMETEO, finanziato dall’Unione Europea che vedrà il coinvolgimento di diverse aziende e centri di ricerca europei che collaboreranno per circa 4 anni con il fine di riuscire ad abbattere il costo dell’idrogeno verde di 2€ al kg.

Per raggiungere questi obiettivi verrà utilizzata una tecnologia che combina l’elettricità, proveniente da fonti rinnovabili come eolico o fotovoltaico, con il calore da solare a concentrazione. Il progetto ha lo scopo di rendere i costi competiti garantendo continuità alla produzione di idrogeno da elettrolisi anche nel caso in cui l’energia rinnovabile da fonte solare non possa essere disponibile, come nel caso di situazioni di intermittenza o di non convenienza.

Gli investimenti previsti per la realizzazione del progetto PROMETEO sono di 2,7 milioni di euro, di cui 2,5 verranno finanziati dall’Unione Europea grazie al programma FCH JU, un partenariato pubblico-privato che sostiene le attività di ricerca, sviluppo tecnologico delle celle combustibili e dell’idrogeno in Europa.

Il progetto per la riduzione dei costi dell’idrogeno verde mira all’integrazione del processo di elettrolisi dell’acqua con le energie rinnovabili; le attività verranno coordinate da ENEA, a cui parteciperanno altre realtà italiane come Snam, Fondazione Bruno Kessler, SOLIDpower e Gruppo Maire Tecnimont.  

Proprio qui in Italia verrà realizzato un prototipo di elettrolizzatore ad ossidi solidi da 25 kWe che arriverà a produrre 15 kg di idrogeno al giorno, che verrà successivamente validato in un impianto fotovoltaico in Spagna.

Il Direttore del Dipartimento ENEA di Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili Giorgio Graditi ha dichiarato che spera che l’elettrizzatore venga poi installato anche nella Hydrogen Valley del Centro ricerche ENEA di Casaccia, e sottolinea come gli intenti del progetto PROMETEO siano essenziali per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione al 2030 e al 2050, e per sostenere la transizione energetica. La ricerca dovrà costantemente impegnarsi per trovare soluzioni innovative per sfruttare al meglio le fonti rinnovabili e decabornizzare soprattutto quei settori industriali definiti “energivori”.

Il progetto avrà una durata di 42 mesi e prevede il coinvolgimento di imprese e enti di ricerca, sia italiani che europei.

La Fondazione Bruno Kessler (FBK), la spagnola IMDEA Energy e l’Istituto di ricerca svizzero EPFL si occuperanno insieme all’ENEA dell’integrazione del prototipo con le fonti rinnovabili; l’italo-svizzera SOLIDpower fornirà elettrolizzatori e il sistema di termo-regolazione, mentre Maire Tecnimont sarà a capo dell’ingegnerizzazione del prototipo e della messa in marcia dell’impianto attraverso due sue controllate, l’italiana NextChem e l’olandese Stamicarbon.

Un ruolo fondamentale nello sviluppo di applicazioni finali lo avranno anche i potenziali utilizzatori della tecnologia: la Snam per l’iniezione di idrogeno verde nella rete gas, la spagnola Capital Energy per lo stoccaggio chimico di elettricità rinnovabile e l’olandese Stamicarbon per i possibili impieghi nell’industria chimica.

La prima grande sfida” sottolinea Dina Lanzi, responsabile Sviluppo tecnologico della business unit idrogeno di Snam “è quella di produrre idrogeno a zero emissioni su larga scala e a bassi costi per decarbonizzare l’industria energivora e la mobilità pesante. Il progetto PROMETEO contribuirà a sviluppare e scalare tecnologie efficienti di produzione grazie alle alte temperature, abbattendo i costi di produzione dell’idrogeno verde e aumentandone la competitività. Il secondo obiettivo consiste nell’integrare questa tecnologia nell’infrastruttura energetica, accoppiando la rete gas e la rete elettrica, per vincere le attuali e future sfide del sistema energetico italiano ed europeo. Siamo felici di aver contribuito a questa iniziativa mettendo a fattor comune le nostre competenze infrastrutturali e tecnologiche in una prospettiva di filiera”.
 
Articolo: ENEA guida un progetto da 2,7 milioni di euro per ridurre i costi dell’idrogeno verde
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

ENEA guida un progetto da 2,7 milioni di euro per ridurre i costi dell’idrogeno verde

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.