Focus normative

UNI 11418 e UNI 11515: le norme sui requisiti professionali per i posatori

UNI ha pubblicato due nuove norme tecniche contenenti i requisiti professionali per i posatori di manti di copertura e rivestimenti resilienti

Continua l’attività di normazione UNI in merito ai requisiti professionali per gli addetti del settore edile, con la pubblicazione di due nuove norme, la UNI 11418 parte 1 e la UNI 11515 parte 2, che riguardano l’attività professionale dei posatori di manti di copertura discontinui e dei posatori di rivestimenti resilienti e laminati per pavimentazione.
 
La UNI 11418 parte 1 stabilisce quelle che sono le caratteristiche professionali richieste a un posatore di manti di copertura discontinui, vale a dire il professionista che applica i prodotti per la realizzazione di questa tipologia di manti di copertura. Si annoverano tra le alternative considerate: le tegole, altri piccoli elementi, lastre o pannelli, ma anche i materiali per il loro supporto, compresi quelli che consentono di ottenere specifiche prestazioni, ad esempio di isolamento termico, tenuta all’acqua e all’aria o tenuta al vapore acqueo. Non sono compresi in questa categoria i prodotti e materiali che compongono gli elementi strutturali dell’edificio (solai in CA, legno o altri materiali) e le opere di lattoneria.
 
UNI, nella stesura della norma, ha tenuto conto del fatto che i posatori di manti di copertura discontinui possono impiegare diversi materiali e diverse modalità applicative in base al manto di copertura richiesto e alle caratteristiche del solaio sul quale si eseguiranno i lavori. Per questo motivo sono stati definiti vari profili specialistici ai fini dell’esercizio della professione, rispondenti alle indicazioni del Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) in merito a compiti ed attività specifiche, conoscenze, abilità e conoscenze per i professionisti.
 
La UNI 11515 propone invece la definizione della figura del posatore di rivestimenti resilienti e laminati per pavimentazioni, considerando le attività di creazione o preparazione del sottofondo, l’installazione delle pavimentazioni, la messa in servizio, la manutenzione ordinaria e straordinaria in edifici residenziali e non residenziali, sia nuovi che già esistenti, anche con specifiche prestazioni acustiche, di resistenza al fuoco, antiscivolo ecc. Rientrano nelle attività dei professionisti sopra definiti anche la realizzazione di sgusci, la saldatura a caldo di giunti, la saldatura chimica e l’installazione di battiscopa.
 
Anche in questo caso specifico i requisiti professionali sono stati individuati in conformità con il Quadro Europeo delle qualifiche (EQF) sulla base dei compiti e le attività specifiche che devono essere svolte, ma anche tenendo conto delle conoscenze, le abilità e le competenze dei professionisti considerati.
Articolo: UNI 11418 e UNI 11515: le norme sui requisiti professionali per i posatori
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

UNI 11418 e UNI 11515: le norme sui requisiti professionali per i posatori

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.