Focus Mercati

Ricerca e industria dello storage si coordinano con la Italian Battery Alliance

Nasce la Italian Battery Alliance, una piattaforma finanziata dal MiSE a sostegno della value-chain del settore italiano delle batterie

L’Italia investe nel settore delle batterie creando una piattaforma nazionale che punta a rafforzare la competitività dell’industria settoriale italiana: la Italian Battery Alliance è promossa dal MiSE e sarà coordinata da ENEA.
 
Si tratta di un’alleanza tra ricerca e industria italiane, chiamate a sviluppare congiuntamente progetti per la realizzazione di batterie avanzate di nuova generazione, agendo nell’ambito delle più ampie strategie di transizione energetica, decarbonizzazione del trasporto, sfruttamento efficiente delle rinnovabili e miglioramento della competitività industriale.
 
Potranno entrare a far parte della piattaforma imprese, associazioni, centri di ricerca, università, agenzie di finanziamento di ricerca e innovazione, che all’interno della Italian Battery Alliance saranno aiutate nelle attività di consultazione e coordinamento di programmi e attività di R&I, ma anche stimolate e supportate nella partecipazione a iniziative europee ed altre opportunità di finanziamento.
 
A coordinare questa nuova entità sarà ENEA, agenzia già esperta del settore in quanto coordinatore del gruppo di lavoro nazionale sulle batterie in ambito del SET Plan e presente in tutte le attività europee e internazionali connesse alla value-chain del settore delle batterie (IEA, ETIP BatteriesEurope, Battery2030PLUS, ecc).
 
Il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha spiegato le motivazioni che rendono questa iniziativa particolarmente strategica: “Questa piattaforma vuole rafforzare la nascente value chain italiana, creare le condizioni per lo sviluppo di una industria competitiva delle batterie e accogliere le sollecitazioni degli stakeholder, imprese, centri di ricerca, associazioni imprenditoriali in un settore di primo piano a livello di politica industriale ed energetica. E’ fondamentale – ha aggiunto - una gestione organica delle attività nel settore, in particolare per quanto riguarda ricerca e innovazione, per definire una roadmap tecnologica nazionale sulle batterie e partecipare ai tavoli europei in maniera più coesa e coordinata”.
 
L'ENEA ha presidiato sin dall’inizio le iniziative europee sulle tecnologie di accumulo, favorendo il più ampio coinvolgimento degli stakeholder italiani e partecipando ai tavoli europei con ruoli di rilievo nella governance e nel management”. Ha chiarito il Presidente Federico Testa “Vogliamo contribuire allo sviluppo di un’industria nazionale ed europea in grado di assicurare i volumi necessari alla mobilità elettrica e alle esigenze di accumulo stazionario a supporto della rete elettrica, ovviando all'attuale situazione di dipendenza dai Paesi Asiatici.”
 
L’obiettivo della Italian Battery Alliance è tanto semplice quanto ambizioso, dovrà agevolare la partecipazione dell’industria italiana e dei centri di ricerca pubblici e privati ai programmi comunitari ed internazionali, favorendo l’efficacia delle azioni proposte ed il successo dei risultati raggiunti. Un compito ulteriore sarà quello di individuare gli aspetti su cui lavorare per potenziare l’attuale value-chain, definendo le priorità di R&I valide per il breve ed il lungo periodo, organizzando un’agenda coordinata a livello nazionale e supportando l’allineamento dei programmi di finanziamento nazionali e regionali con la programmazione sovranazionale per la promozione dello sviluppo tecnologico e dell’iniziativa industriale.
 
Questa piattaforma si inserisce in un contesto europeo molto dinamico, in cui numerosi  altri Stati Membri dell’UE hanno realizzato iniziative simili, tra cui la Germania, la Francia e la Slovacchia.
In Italia comunque la Italian Battery Alliance è la conseguenza naturale di altri network preesistenti nati dall’accordo di programma per la Ricerca di Sistema Elettrico, a sua volta finanziato dal MiSE, grazie al quale sono coordinate le attività di vari gruppi di ricerca universitaria di alto livello, ma anche di origine industriale, come il gruppo nazionale informale di scambio informativo da/verso tavoli europei, al quale partecipano 28 industrie, 22 organizzazioni di ricerca e numerose associazioni di settore.
Articolo: Ricerca e industria dello storage si coordinano con la Italian Battery Alliance
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

Ricerca e industria dello storage si coordinano con la Italian Battery Alliance

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.