Focus incentivi

Superbonus: l’Agenzia delle Entrate aggiorna la guida alle detrazioni per gli interventi

L’Agenzia delle Entrate aggiorna la guida precedentemente pubblicata in materia di detrazioni per gli interventi previsti dal Superbonus al 110%

DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE
Il Superbonus al 110%, lo strumento tanto discusso per il rilancio del settore dell’edilizia e per la riqualificazione energetica degli edifici per far fronte alle questioni climatiche, era stato introdotto dal Governo a luglio 2020.

Con l’entrata in vigore ufficiale dal 1 luglio 2020, era stato immediatamente disciplinato con la pubblicazione di una guida dell’Agenzia delle Entrate  “In materia di detrazioni per interventi di efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici”.


La prima guida per il Superbonus


La guida introduceva alla normativa nell’ambito degli edifici, dei soggetti e degli interventi ammessi alle detrazioni previste dal bonus e inoltre inseriva la questione delle asseverazioni tecniche necessarie all’accesso agli incentivi.

L’Agenzia delle Entrate ha incluso nella guida anche tutte le nozioni utili in materia di detrazioni, previste al 110% nel caso del Superbonus, applicabili in 3 diversi modi: tramite sconto in fattura, cessione del credito a terze parti o con detrazione diretta.

Le attività disciplinate dal Superbonus, ricordiamo, al fine di accedere alla detrazione, sono soggette a un duplice controllo: dall’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, che verifica la correttezza di natura tecnica degli interventi effettuati, e dall’Agenzia delle Entrate che invece  si occupa del controllo delle operazioni di natura fiscale.

Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 hanno portato l’Agenzia ad elaborare una nuova guida al Superbonus, aggiornata a febbraio 2021 e pubblicata sul proprio sito. Le pagine, da 34 della precedente, sono ora 50, visto il crescere dell’interesse nei confronti dell’incentivo da parte dei cittadini e delle imprese, per questioni sia tecniche che economiche.

La guida aggiornata integra anche la propria dicitura, “Detrazioni per interventi di efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico, colonnine di ricarica di veicoli elettrici, eliminazione delle barriere architettoniche”, evidenziando l’introduzione di altri casi che rientrano tra gli interventi disciplinati dalla normativa.

 

Le novità della guida aggiornata 


Le modifiche e le integrazioni del testo più importanti riguardano diversi ambiti.                  
                                 
Uno tra i più rilevanti è sicuramente la proroga al 30 giugno 2022 per il riconoscimento del bonus e quindi saranno detraibili le spese sostenute fino a questa data (e in alcuni casi particolari addirittura fino al 31 dicembre 2022 e 2023).

La guida chiarisce alcune problematiche in merito agli unici proprietari di un edificio, agli accessi autonomi e agli immobili funzionalmente indipendenti.

Vengono inoltre aggiunti agli interventi soggetti a detrazione quelli per la coibentazione del tetto e quelli legati all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Altre specifiche sono introdotte per l’installazione di colonnine per la ricarica elettrica, per gli interventi nei comuni colpiti dal sisma e per la ripartizione delle spese in 4 o 5 quote annuali.

Per  qualsiasi altra informazione più approfondita, invitiamo gli interessati a consultare il documento ufficiale della guida.
 
DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE
Articolo: Superbonus: l’Agenzia delle Entrate aggiorna la guida alle detrazioni per gli interventi
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

Superbonus: l’Agenzia delle Entrate aggiorna la guida alle detrazioni per gli interventi

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.