Focus incentivi

I risultati delle rinnovabili in Italia: due documenti GSE su incentivi e impianti installati

Dal GSE l’aggiornamento del bollettino semestrale GSE sulle incentivazione delle fonti rinnovabili e della relazione sull’utilizzo delle rinnovabili in Italia

Grazie a numerosi sistemi incentivanti adottati dal Governo negli ultimi anni, stimolati in particolare dalla Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, si è potuto assistere ad una costante crescita nell’adozione delle FER nel nostro Paese.
Per il quinti anno di fila, GSE si è occupata della produzione di una relazione nella quale sono elencati i progressi a cui si è assistito in Italia negli ultimi anni in relazione alla produzione ed utilizzo di energia da rinnovabili, nel tentativo di rispondere singolarmente agli obiettivi presentati dalla Direttiva UE.
 
Il testo raccoglie quindi l’elencazione di tutte le misure adottate dall’Italia per raggiungere i singoli obiettivi concordati a livello europeo ed i risultati che esse hanno permesso di raggiungere, riassumendo - dove necessario - anche le modalità secondo cui i regimi di sostegno sono stati strutturati e implementati.
 
Si tratta di un documento tecnico, grazie alle cui tabelle è possibile apprezzare l’aumento di centralità per le FER nel periodo 2013-2018.

Fruibile anche ad utenti meno avvezzi ai tecnicismi, il GSE ha pubblicato anche il suo nuovo Bollettino semestrale sull’incentivazione delle fonti rinnovabili. Questa ultima versione è aggiornata al 31 dicembre 2019 è contiene un excursus su tutti i meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili.
 
Nel testo è possibile trovare dati ed analisi di dettaglio, anche in serie storica, sui processi di qualifica e controllo degli impianti, ma anche informazioni sull’erogazione delle tariffe incentivanti stabilite da: DM 23/06/2016, DM 06/07/12, DM 18/12/2008 e Legge 239/2004, ossia gli ex Certificati Verdi  e le Tariffe Onnicomprensive.
 
Le analisi GSE rilevano che la quota più ingente di incentivi è stata concessa per impianti ex Certificati Verdi, per i quali nel 2019 si sono stanziati 2,6 miliardi di €, circa la metà dei finanziamenti sono stati utilizzati per impianti eolici (7 GW), la seconda tipologia di incentivo più incentivata è quella delle bioenergie, che ha ricevuto quasi 1 miliardo.
 
Per le Tariffe Onnicomprensive nel 2019 sono stati investiti 2,4 miliardi di €,distribuiti per il 70% per impianti a biogas e, in misura minore, per impianti idroelettrici ad acqua fluente.
Considerando invece gli incentivi previsti dal DM 6 luglio 2012, praticamente tutti gli impianti incentivati sono stati ammessi. In totale nel 2019 sono stati concessi 477 € milioni, per una potenza di 1,8 GW, di questi: 190 milioni di € sono stati investiti per 1,3 GW di impianti eolici, seguiti da 150 milioni di € per 270 MW di impianti idroelettrici ad acqua fluente.
 
Grazie all’installazione di nuovi 400 MW, soprattutto di grandi impianti eolici ad asta, gli impianti incentivati ai sensi del DM 23 giugno  2016 hanno raggiunto un totale di 1.137 MW alla fine del 2019.
Per questi impianti è inoltre aumentata anche l’energia incentivata ed i corrispettivi erogati, per un valore di 183 milioni nel 2019.
Considerando i risultati complessivi del 2019, il DM 23 giugno 2019 risulta essere quasi arrivato a regime, con un avanzo di 187 MW che sono disponibili per registri ed aste non ancora in esercizio.

Entrambi i documenti, la quinta relazione GSE sui progressi delle rinnovabili in Italia e il bollettino 2019 sull’incentivazione delle fonti rinnovabili sono disponibili qui di seguito per il download.
Articolo: I risultati delle rinnovabili in Italia: due documenti GSE su incentivi e impianti installati
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

I risultati delle rinnovabili in Italia: due documenti GSE su incentivi e impianti installati

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.