Focus Aziende

Anodo elettrico Boguard di Emmeti: contrasto dei fenomeni corrosivi con scarsa produzione di idrogeno nel serbatoio

Difesa della superficie esposta alla corrosione e difesa fino al 7% della superficie interna di serbatoi e bollitori: ecco l’anodo elettrico Boguard di Emmeti

L’anodo elettrico Boguard a corrente impressa è sviluppato interamente da Emmeti ed è dotato di autoregolazione del potenziale di protezione, che difende la superficie esposta alla corrosione, fino al 7% della superficie interna di serbatoi e bollitori costruiti in acciaio e smaltati con resine plastiche o vetrificati, entro i 5000 litri di capienza.
 
L’anodo Boguard, diversamente da altri tipi di anodi elettrici, è in grado di contrastare i fenomeni corrosivi senza produrre una quantità significativa di idrogeno nel serbatoio. L’idrogeno, infatti, non solo è infiammabile, ma se presente in quantità non minima può comportare il deterioramento di alcuni rivestimenti interni del serbatoio.
 


La corrosione negli accumuli di acqua potabile

 
La scelta di utilizzare il maggiore sistema di protezione catodica a corrente impressa, che assicura una maggiore protezione anticorrosiva del serbatoio e una qualità migliore dell’acqua in esso contenuta, nasce da diverse considerazioni.
 
I contenitori d’acqua per uso potabile come serbatoi metallici e bollitori, innanzitutto, sono spesso dotati di un rivestimento per la protezione passiva contro la corrosione elettrochimica favorita dall’acqua. Spesso, però, questo non basta ad assicurare la totale copertura delle pareti di un serbatoio, in quanto è necessario intervenire con un’ulteriore protezione attiva, chiamata protezione catodica.
 
Solitamente viene utilizzato un sistema di protezione catodica costituito da anodi di magnesio (anodi sacrificali), che in ogni caso sono soggetti a inconvenienti perché, consumandosi, hanno bisogno di sostituzione periodica. C’è da considerare, inoltre, il fatto che nel tempo la massa dell’anodo diminuisce, perdendo parte della sua efficacia, e sul fondo del serbatoio si depositano, anche a causa del consumo dell’anodo, i sedimenti, terreno fertile per eventuali colonie di batteri.
 
Ecco il motivo della scelta della protezione catodica a corrente impressa.
 


Il sistema di protezione catodica a corrente impressa
 

Il sistema di protezione catodica a corrente impressa viene messo in atto tramite l’utilizzo dell’anodo elettronico, un dispositivo che assicura il potenziale dell’elettrolita tramite corrente impressa.
 
Una costante misurazione della differenza di potenziale tra il serbatoio e l’elettrodo garantisce il mantenimento del potenziale; il dispositivo determina l’intensità della corrente impressa nel serbatoio sulla base di queste misurazioni.
 


Anodo elettrico Boguard: le funzionalità

 
  1. Funzione “Booster” all’accensione, che eroga il potenziale massimo per un tempo limitato, così da velocizzare la messa in protezione del serbatoio;
  2. Segnalazione di eccessivo assorbimento da parte del serbatoio;
  3. Segnalazione di stato di funzionamento ottimale;
  4. Segnalazione di circuito elettrico aperto (es.: cavo non collegato tra apparecchiatura e anodo in titanio attivato);
  5. Segnalazione di cortocircuito tra polo positivo e polo negativo dell’anodo in titanio attivato;
  6. Segnalazione di assorbimento sotto soglia da parte del serbatoio, indicatore di cattivo contatto elettrico tra apparecchiatura e anodo in titanio attivato o acqua con conduttività elettrica estremamente bassa;
  7. Rilevazione di dispersioni elettriche e correnti vaganti (sia corrente continua, che corrente alternata), che interessino il serbatoio e che possano contribuire significativamente alla corrosione interna dello stesso. Queste correnti possono essere di piccola entità e quindi, anche se non producono l’intervento dei dispositivi di sicurezza elettrica dell’impianto, possono essere causa importante di fenomeni corrosivi;
  8. Segnalazione di anomalie di installazione (es.: scambiatori con giunti dielettrici inefficaci o mancanti);
  9. Conteggio del tempo di funzionamento dell’anodo in condizione ottimale (assenza di anomalie), espresso in numero di anni e mesi, visibile all’accensione e non manomissibile.
 
L’anodo elettrico Boguard di Emmeti è oggetto di deposito brevettuale a livello europeo.

Articolo: Anodo elettrico Boguard di Emmeti: contrasto dei fenomeni corrosivi con scarsa produzione di idrogeno nel serbatoio
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

Anodo elettrico Boguard di Emmeti: contrasto dei fenomeni corrosivi con scarsa produzione di idrogeno nel serbatoio

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.