Dossier tecnico

Sistema Emmeti Dry Alu Floor

Il nuovo sistema di riscaldamento/raffrescamento a pavimento Emmeti Dry Alu Floor rappresenta la soluzione ideale per le installazioni che richiedono minimi spessori, peso ridotto sui solai, velocità di messa a regime dell’impianto.
Infatti, Emmeti Dry Alu Floor è stato sviluppato per installazioni con sistema di posa a secco, senza massetto, applicabile sopra pavimentazioni esistenti o sottofondi perfettamente planari. La posa dei tubi è a serpentino.
Disponibile in due diversi spessori (30 e 40 mm totali) risulta particolarmente adatto per interventi di ristrutturazione edilizia.

 

Gamma

 

Posa in opera

Il sistema è costituito da:

  • Un pannello in polistirene espanso stampato (tipo EPS 200) per isolamento termico, con superficie sagomata con tracce longitudinali ed ortogonali (passo 150 mm) per tubo 17x2, accoppiato con una lamina conduttrice in alluminio (spessore 0,3 mm). Il pannello è disponibile in due versioni, con spessore utile di 10 e 20 mm, e spessore totale, rispettivamente, di 28 e 38 mm.
  • Un pannello in polistirene espanso stampato (tipo EPS 200) per isolamento termico, con superficie sagomata con tracce longitudinali, ortogonali e curve per tubo 17x2, accoppiato con una pellicola in polistirene rigido, per la realizzazione delle curve di testa e degli attraversamenti in corrispondenza di porte e collettori. Il pannello è disponibile in due versioni, con spessore utile di 10 e 20 mm, e spessore totale, rispettivamente, di 28 e 38 mm.
  • Un foglio in polietilene, con funzione di strato separatore fra i pannelli e le lastre in acciaio zincato.
  • Due lastre in acciaio zincato (con e senza lato adesivo), per la realizzazione del doppio strato superiore di conduzione termica e di ripartizione del carico.
  • Striscia isolante perimetrale in polietilene espanso a cellule chiuse, con banda adesiva per il fissaggio a parete, spessore 5 mm e altezza 100 mm.
 

La superficie di posa deve essere perfettamente piana e pulita. Se
necessario realizzare preventivamante una finitura superficiale con del massetto autolivellante. Si consiglia di incollare i pannelli, in particolare quelli di testa, alla superficie sottostante con idonei collanti. I pannelli di testa dovranno risultare adiacenti alla parete più corta della stanza in cui vengono posati, in tal modo il circuito richiederà un minor numero di curve dei tubi e quindi minori perdite di carico.
Qualora si renda necessario tagliare i pannelli, il taglio degli stessi dovrà essere eseguito con idonea attrezzatura che permetta un taglio lineare e regolare. Lo strato di ripartizione del carico e di distribuzione del calore, viene realizzato per questo sistema attraverso una doppia copertura di lastre in acciaio zincato. Una volta completata l'installazione dei circuiti, prima di procedere con la posa del doppio strato di lastre è necessario prevedere la stesura di uno strato di separazione costituito dal foglio di copertura in polietilene. Al di sopra di questo va posato il primo strato di lastre zincate.
In questo primo strato vanno utilizzate le lastre senza lato adesivo. Per la posa del secondo strato vanno invece utilizzate le lastre con lato adesivo rivolto verso quelle del primo strato (verso il basso). In tal modo i due strati risulteranno attaccati tra di loro. E' necessario inoltre lasciare uno spazio di 1 o 2 mm tra una lastra e l'altra. Lo strato di ripartizione del carico può essere realizzato in alternativa mediante la posa di doppie lastre in gesso fibra (denominato anche sottofondo a secco), le cui caratteristiche e modalità di impiego sono di competenza del produttore.


Impiego

Il sistema a secco è destinato ad edifici di tipo civile, in quanto l'assenza del massetto non garantisce una resistenza adeguata a carichi elevati sulla pavimentazione.

Le caratteristiche di peso ridotto e di estrema velocità di messa a regime, lo rendono estremamente adatto per applicazioni su solai in legno o per locali riscaldati saltuariamente (sale convegni, case vacanza, ecc).

I pavimenti possono essere posati immediatamente dopo la prova di collaudo, con un risparmio di circa 30 giorni rispetto ai sistemi tradizionali.

Visita il nostro sito web www.emmeti.com

 
Sistema Emmeti Dry Alu Floor

Conformità alle norme e certificazioni

 

Pavimentazioni

Il sistema Emmeti Dry Alu Floor è conforme al tipo B (impianti con tubi sotto lo strato di supporto) come indicato nella norma UNI EN 1264-1.
I pannelli Dry Alu Floor, sono prodotti in conformità alla norma UNI EN 13163 (isolanti termici per edilizia - prodotti in polistirene espanso ottenuti in fabbrica) e certificati come da Regolamento (UE) N. 305/2011.
Sui pannelli e sulle etichette degli imballi è riportata la marcatura CE.

 

Nel caso di parquet, si consiglia il tipo prefinito con incastri, posato senza colle.
Per l'adesione delle pavimentazioni di tipo ceramico o lapideo, è necessario l'utilizzo di specifici collanti per superfici metalliche (in genere colle di tipo poliuretanico), prevedendo delle fughe di almeno 4/5 mm e stuccatura con idonei riempitivi elastici. E' opportuno che le piastrelle siano di dimensioni non superiori ai 40 cm per lato.


 
Sistema Emmeti Dry Alu Floor