Focus risparmio energetico

Diagnosi energetica, nuovi materiali e nuovo portale in vista della scadenza di dicembre 2019

ENEA ha annunciato tre importanti novità inerenti al portale e alla modulistica per la diagnosi energetica delle imprese

Con l’avvicinarsi della scadenza per l’obbligo di diagnosi energetica per le grandi aziende, fissata al 5 dicembre 2019 dal articolo 8 del D.Lgs. 102/14, l’ENEA ha deciso di mettere in atto nuove attività che sappiano supportare le imprese e gli operatori nel portare a compimento questa procedura. Forte del successo della prima campagna di diagnosi, che ha portato alla diagnosi di oltre 15.000 siti produttivi, di cui 8.600 imprese a fine 2017, l’agenzia nazionale efficienza energetica ha scelto di agire su tre fronti.
 
Una delle principali novità riguarda la complessiva riorganizzazione del sito efficienzaenergetica.enea.it nella sua sezione dedicata all’obbligo di diagnosi energetica, con un’ulteriore aggiornamento dei materiali inerenti a questa tematica. Coerentemente ENEA ha poi provveduto alla pubblicazione di una nuova guida operativa che racchiude i concetti di clusterizzazione, monitoraggio e rapporto di diagnosi: termini e procedure che possono aver bisogno di essere esplicate, anche alla luce degli aggiornamenti tecnico-normativi che sono stati realizzati tra il 2015 e il 2018.
Sono stati inoltre aggiornati i file di riepilogo (fogli di calcolo) dei dati,  ed è stato pubblicato un format che consente di agevolare la procedura di clusterizzazione.
 
In secondo luogo ENEA sta provvedendo all’aggiornamento del portale finalizzato al caricamento delle diagnosi, il quale dovrebbe essere concluso e disponibile all’utenza nel mese di giugno 2019.
L’obiettivo dell’aggiornamento è quello di riuscire a realizzare gli obiettivi prioritari che sono stati individuati durante il triennio 2015-2018, periodo durante il quale sono stati valutati i processi di acquisizione e sono state sentiti i pareri delle associazioni di settore.
 
L’accesso al nuovo portale richiederà una nuova registrazione, motivo per cui ENEA raccomanda agli utenti che dovranno sopperire all’obbligo di diagnosi nel 2019 di non utilizzare il vecchio portale, che tuttavia è ancora in funzione, ma di attendere la pubblicazione della nuova piattaforma, che dovrebbe essere disponibile entro giugno 2019.
Il portale attuale resta invece operativo e a disposizione per le comunicazioni dei risparmi ai sensi dell'art. 7 comma 8 del D.Lgs. 102/14.
 
In contemporanea continuano senza interruzione le attività di divulgazione dell’Agenzia nei confronti delle associazioni di categoria, nate allo scopo di fornire chiarimenti, redigere e aggiornare le guide settoriali e i fogli di rendicontazione per la raccolta dei dati (come l’ultima pubblicazione in merito al settore della Sanità Privata).
 
Da ultimo ENEA segnala la pubblicazione delle modalità operative da seguire per adempiere all’obbligo di diagnosi nel caso specifico di presenza del sistema di gestione dell’energia certificato ISO 50001, per cui è previsto l’utilizzo di un format “tipo” Matrice Di Sistema.
 
Articolo: Diagnosi energetica, nuovi materiali e nuovo portale in vista della scadenza di dicembre 2019
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.