Focus Mercati

Impianti di climatizzazione: mercato in crescita del 10,8%

Cresce il mercato green: il 90% della produzione di impianti di climatizzazione è composto da prodotti in pompa di calore

Continua a cambiare l’approccio alla climatizzazione, con la produzione nazionale di pompe di calore, unità di trattamento aria e ventilconvettori che nel 2018 ha costituito il 90% della produzione nazionale di sistemi per la climatizzazione, crescendo complessivamente del +5,4% rispetto allo stesso periodo del 2017. Associlima ha raccolto questi dati grazie a un’analisi statistica che ha coinvolto 46 aziende e che intendeva analizzare l’evoluzione del mercato dei componenti per impianti di climatizzazione.
 
Uno dei dati che prima di altri salta all’occhio è riferito al valore di mercato raggiunto nel 2018: di poco superiore a 1 miliardo e mezzo di Euro, con una crescita del 10,8% rispetto allo stesso periodo considerato dell’anno precedente. Anche la produzione nazionale, come dicevamo in apertura, ha registrato una positiva crescita del +5,4% raggiungendo un valore di 717.768.000 di euro, spinta soprattutto dalla produzione di pompe di calore, ventilconvettori e unità di trattamento dell’aria.
 
È rilevante notare che tutti i prodotti considerati dalla statistica Assoclima rispetto al 2017 hanno ottenuto una crescita a due cifre: i sistemi monosplit hanno ottenuto una crescita del 10% in valore e del +12% in quantità, con una spinta particolare al settore dovuta alle maggiori vendite di sistemi con potenza superiore ai 7 kW, particolarmente apprezzati dal settore light commerciale.
 
I sistemi monosplit invece sono cresciuti del 14% in valore e del 13% in quantità, dando evidenza alla sempre maggiore diffusione dei sistemi di espansione diretta, da utilizzare non solo per la climatizzazione di un locale ma anche per quella semicentralizzata di più ambienti.
 
Hanno ottenuto risultati ancora più positivi i sistemi VRF che nel 2018 sono cresciuti del 17% in valore e del 18% in quantità; vanno invece in direzione opposta i condizionatori packaged e roof top che hanno perso 8 punti percentuali in valore e 17 punti in quantità rispetto al periodo preso in considerazione del 2017.
 
Considerando le macchine idroniche, i gruppi frigoriferi condensati ad aria sono il prodotto con maggiore tasso di crescita, pari al 13% in valore e al 17% in quantità, e rappresentano da soli il 55% della produzione nazionale di questo genere. Per i modelli splittati a pompa di calore con potenze fino a  17 kW nel 2018 è stata registrata una crescita del 46%  in valore, che consente al comparto delle pompe di calore con potenza inferiore ai 17 kW di aumentare del +23%.
 
Nell’insieme dei prodotti per la climatizzazione con potenza inferiore alla soglia di 17 kW ben il 90% è composto da sistemi a pompa di calore, mentre le macchine con potenza superiore ai 50 kW in pompa di calore rappresentano ormai il 50% circa del totale.

Hanno ottenuto invece dei risultati negativi i gruppi frigoriferi condensati ad acqua, che hanno subito un peggioramento del -3% in valore e del -7% in quantità.
Anche il fatturato del mercato delle unità terminali è cresciuto nel 2018, quantitativamente si può parlare del 7% in valore e del 6% in quantità, si sono però praticamente arrestate le produzioni (+1%) indicando quindi un maggior ricorso alle importazioni. Hanno ottenuto risultati molto positivi i ventilconvettori hi-wall, che hanno fatto registrare un +23% in valore e un +22% in quantità; seguono poi i ventilconvettori a mantello (+2% e +3%), i ventilconvettori senza mantello e quelli a cassette.
 
Il mercato dei componenti per gli impianti di climatizzazione è quindi cresciuto con numeri davvero importanti anche nell’ultimo periodo del 2018, dimostrando ancora una volta il grande potenziale e il grande interesse dei vari settori nei sistemi più efficienti e innovativi che sfruttano la tecnologia in pompa di calore.
 
Articolo: Impianti di climatizzazione: mercato in crescita del 10,8%
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.