Focus innovazioni

Edilizia, un’Europa a due velocità

19/06/2012 - Nel settore delle costruzioni, anche tenendo conto delle correzioni stagionali, il segno continua ad essere negativo per il primo quadrimestre del 2012. Lo certifica Eurostat, che ha diffuso i dati per l’area Euro e per l’Europa dei 27, relativi al mercato dell’edilizia da inizio 2011 al primo quadrimestre del 2012 il mattone ha perso 5 punti, anche se continua a crescere all´est. 

Dopo un accenno di ripresa registrato tra febbraio e marzo, in aprile il segno torna ancora fortemente negativo, sia su base mensile che su base annua. Rispetto allo stesso mese del 2011, infatti, la produzione per Aprile 2012 è crollata del 5% nell’area Euro e del 5,1% nell’area EU27. 

La caduta più importante si registra in Italia (-15,1%), seguita da Spagna (-14,6%), Portogallo (-14,3%) e Slovenia (-14,1%). Cresce invece a ritmi molto sostenuti la Romania che registra un +22,8%), ma anche la Polonia (+9,7%) e la Svezia (+4,3%).

Un’Europa dei 27 che viaggia in due direzioni opposte: se nell’area Est si registrano segni positivi  e tassi di crescita (non solo nelle costruzioni) interessanti, l’area ovest (ad esclusione della Francia) continua ad essere in forte contrazione, con tutte le difficoltà e le problematiche che ne derivano.

 

Articolo: Edilizia, un’Europa a due velocità
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.