Focus incentivi

Ecobonus: pubblicato il DM che regola i controlli sulle detrazioni

Il nuovo decreto pubblicato in GU stabilisce le modalità con le quali l’ENEA svolgerà i controlli documentali e in loco sulla legittimità degli Ecobonus

Nella Gazzetta Ufficiale di ieri, 11 settembre 2018, è stato pubblicato il Decreto che indica le modalità di esecuzione dei  controlli che l’ENEA dovrà effettuare per accertare che i fruitori degli Ecobonus per gli interventi di efficienza energetica, avessero i requisiti necessari al loro ottenimento.
 
Stando ai contenuti del Decreto 11 maggio 2018 l’ENEA sarà tenuta a presentare al Ministero dello Sviluppo Economico, entro il 30 giugno di ogni anno, un documento esplicativo del programma sui controlli a campione che verranno effettuati per valutare la correttezza e legittimità delle richieste per le detrazioni al 50% o 65% per gli interventi edili di risparmio energetico.
 

I controlli sugli Ecobonus: verifiche documentali


Il campione di documenti che verrà controllato annualmente rappresenterà non più dello 0,5% delle richieste pervenute al portale ENEA e saranno più probabilmente sottoposte a controllo:
  • Le richieste per interventi con aliquota maggiore;
  • Le richieste con spesa elevata;
  • Le richieste che presentano criticità in merito ai requisiti di accesso agli incentivi e ai massimali dei costi unitari.
 
Dopo aver definito il campione di controllo, l’ENEA comunicherà l’avvio del procedimento di controllo tramite raccomandata a/r o tramite email PEC al beneficiario della detrazione o all’amministratore di condominio (laddove si tratti di incentivi per le parti comuni di edifici condominiali).
 
Dal momento della ricezione della comunicazione i beneficiari avranno trenta giorni di tempo per trasmettere all’ENEA la documentazione necessaria per usufruire dell’Ecobonus, nel caso non fosse stata inviata in precedenza.
 
In seguito alla ricezione della documentazione l’ENEA si occupa del controllo della corretta esecuzione dell’intervento, della sussistenza e permanenza dei requisiti per il riconoscimento della detrazione e, entro 90 giorni, comunica l’esito della valutazione documentale al beneficiario.
 

Controlli in loco


L’ENEA si impegnerà inoltre a effettuare controlli in loco su almeno il 3% del campione selezionato. Il DM 11 maggio stabilisce anche la procedura per questa tipologia di contratto, che sarà così articolata:
  • Comunicazione del controllo con un preavviso di almeno 15 giorni da inviare tramite raccomandata a/r o attraverso PEC.
  • Il beneficiario dell’ecobonus avrà la possibilità di rinviare solo una volta il controllo, fissando una seconda data entro 60 giorni dalla comunicazione.
  • Il sopralluogo si svolgerà sempre in presenza del beneficiario degli incentivi o dell’amministratore per conto del condominio e, dove necessario, anche dei tecnici firmatari della relazione di fine lavori.
 
In seguito al controllo, e nell’eventualità di esito negativo, l’ENEA invia all’Agenzia delle Entrate una relazione motivata con la quale spiega le ragioni della decadenza del diritto all’Ecobonus
DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE
Articolo: Ecobonus: pubblicato il DM che regola i controlli sulle detrazioni
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.