Focus Associazioni

Manutenzione impianti termici: dalla CNA i 7 consigli per utilizzare correttamente l’impianto

Chi ha detto che la manutenzione va effettuata ogni 4 anni? A stabilire la periodicità dev’essere l’installatore/tecnico abilitato

È l’installatore a decidere quando è il momento di effettuare un intervento di manutenzione alla caldaia.
 
A sottolinearlo il DPR 74/2013 all’articolo 7, che smentisce le interpretazioni comuni che fissano delle tempistiche dubbie sull’obbligo di manutenzione.
 
La CNA ricorda, inoltre, che il controllo e la manutenzione degli impianti termici devono essere svolti da ditte abilitate ai sensi del DM 37/08, le quali sono tenute non solo a specificare al cliente la frequenza con cui gli interventi di manutenzione vanno svolti, ma anche a dichiarare per iscritto quali sono le operazioni da effettuare per mantenere nel tempo la sicurezza dell’impianto.
 
L’utente deve chiaramente, dal canto suo, prestare attenzione a quanto prescritto dall’installatore, in quanto sono di sua responsabilità eventuali danni causati da un utilizzo scorretto dell’impianto.
 
Ma come possono agire gli utenti per utilizzare correttamente il proprio impianto termico?
Ecco i 7 consigli della CNA:
 
  1. Rivolgersi esclusivamente ad installatori abilitati ai sensi del DM 37/08;
  2. Far controllare l’impianto periodicamente, secondo quanto stabilito dall’installatore (è consigliabile un controllo annuale);
  3. Far controllare le parti dell’impianto di riscaldamento più soggette a usura, come ugelli gas, ventilatori, camera di combustione, pressostati, elettrodi e guarnizioni di tenuta;
  4. Far effettuare le principali operazioni di manutenzione e controllo, come la pulizia dello scambiatore lato fumi, prova di tiraggio della canna fumaria, pulizia del bruciatore, verifica dei dispositivi di protezione, controllo e sicurezza, controllo del funzionamento, verifica dell’assenza di perdite, …;
  5. Installare le valvole termostatiche, vista soprattutto l’obbligatorietà a partire dal 30 Giugno 2017;
  6. Usare correttamente i cronotermostati, in modo da regolare la temperatura e i tempi di accensione in modo ottimale;
  7. Non mettere ostacoli davanti o sopra il termosifone, per non ridurre la sua capacità di riscaldare l’ambiente e verificare, di conseguenza, uno spreco di energia e denaro.
 
Manutenzione e controllo degli impianti termici sono operazioni fondamentali non solo per un corretto funzionamento dell’impianto, ma anche e soprattutto per la sicurezza e la funzionalità. Seguire le buone pratiche per il corretto utilizzo degli impianti, dunque, rappresenta sicuramente un primo passo per ottimizzarne la resa.
Articolo: Manutenzione impianti termici: dalla CNA i 7 consigli per utilizzare correttamente l’impianto
Valutazione: 4.5 / 5 basato su 1 voti.