Focus Associazioni

La Lombardia aderisce al Protocollo d’Intesa sulle biomasse per un’aria più pulita

Anche la Lombardia ora si impegna nella riduzione delle emissioni provocate dalle biomasse legnose aderendo al Protocollo d’Intesa AIEL

Anche la Lombardia sancisce il proprio impegno nella tutela della qualità dell’aria aderendo al “Protocollo d'Intesa per la promozione di azioni e di iniziative finalizzate alla riduzione delle emissioni degli impianti termici alimentati a biomasse legnose” sottoscritto dal MATTM e da AIEL. Il protocollo, che ora conta anche l’adesione della più ampia regione del bacino padano, ha il fine ultimo di ridurre fino al 70% i livelli di particolato PM10 e di Benzo(a)pirene delle emissioni entro il 2030.
 
Per raggiungere questo obiettivo AIEL, Associazione Italiana Energie Agroforestali, che rappresenta la filiera legno-energia: dalle imprese boschive ai produttori e distributori di legna, cippato, pellet, dai costruttori di caldaie e apparecchi domestici, fino agli installatori e manutentori, ha stabilito una serie di impegni che sono stati assunti dalle parti coinvolte, sia pubbliche che private.
 
Questi oneri sono stati definiti sulla base del “programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel bacino padano” sottoscritto nel giugno del 2017 dal Ministero dell’Ambiente e dalle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto.
Il protocollo funge da strumento portante per una collaborazione ad ampio  spettro, che coinvolga sia le istituzioni pubbliche sia i privati aderenti all’Associazione.
 
Dal canto suo AIEL si occupa di:
  • Sviluppare e diffondere ariaPulita®, il sistema di certificazione volontario degli apparecchi domestici alimentati a legna o pellet;
  • Attivare campagne di informazione;
  • Diffondere biocombustibili (legna, cippato, pellet) di qualità certificata e tracciata e delle buone pratiche;
  • Formare e aggiornare gli installatori e manutentori professionisti;
  • Promuovere gli investimenti in ricerca e sviluppo da parte dell'industria, così da velocizzare il processo di innovazione tecnologica per la riduzione delle emissioni.
 
Il Ministero dell’Ambiente invece ha riconosciuto la validità della certificazione ariaPulita® ed si è impegnato a:
  • Promuovere la sostituzione dei generatori a biomasse con quelli con le classi più elevate di qualità,
  • Favorire la certificazione di legna da ardere, bricchetti e cippato;
  • Suggerire un potenziamento dei percorsi formativi obbligatori degli installatori.
 
Oggi, con l’adesione al Protocollo della Regione Lombardia, anche l’ente regionale assume degli impegni che si vanno ad aggiungere a quelli già previsti e attuati dal Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell'Aria (PRIA). Tra le nuove iniziative che fanno capo alla Lombardia ricordiamo:
 
•             L'intensificazione dei controlli sugli impianti termici civili alimentati con biomasse legnose e degli obblighi connessi con il rilascio delle dichiarazioni di conformità, la compilazione dei libretti di impianto e la registrazione degli impianti termici civili a biomasse nei Catasti Informatici Regionali;
•             La realizzazione di attività di sensibilizzazione degli utenti e degli operatori sui temi della riqualificazione energetica e ambientale degli impianti a biomasse legnose;
•             La partecipare ad un confronto periodico con le altre Parti finalizzato alla valutazione delle attività svolte per l’attuazione degli impegni previsti dal Protocollo stesso.
 
Domenico Brugnoni, Presidente di AIEL, ha commentato: "L'adesione al Protocollo della Regione Lombardia è di un risultato di grande importanza non solo per il nostro sistema associativo, ma per il Paese. Oggi le biomasse costituiscono circa un terzo di tutta l’energia rinnovabile prodotta in Italia. In quanto rappresentanti della prima fonte energetica rinnovabile impiegata nel riscaldamento, abbiamo l’obbligo di contribuire al raggiungimento degli obiettivi ambientali, economici e sociali fissati dall’UE. Il futuro del settore delle biomasse legnose dipende anche dalla nostra capacità di affrontare in modo trasparente e pragmatico il tema delle emissioni. Un tema comunque centrale nella definizione di una strategia energetica nazionale basata su un mix intelligente e sostenibile di energie rinnovabili".
 
Per la Regione Lombardia invece si è espresso l’assessore all’ambiente e clima della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo: “Con l’adesione a questo protocollo proseguiamo l’azione di Regione Lombardia per il miglioramento della qualità dell’aria. Promuoviamo infatti il corretto utilizzo delle biomasse legnose, in impianti efficienti e a basso impatto ambientale, al fine di limitare al massimo l’inquinamento atmosferico. Le politiche adottate in questi anni da Regione Lombardia hanno permesso di ridurre i valori del PM10 e dimostrano che stiamo andando nella giusta direzione”. 
 
Articolo: La Lombardia aderisce al Protocollo d’Intesa sulle biomasse per un’aria più pulita
Valutazione: 0 / 5 basato su 0 voti.
Richiedi informazioni su questo focus

La Lombardia aderisce al Protocollo d’Intesa sulle biomasse per un’aria più pulita

Accetta le regole di utilizzo di ExpoClima e politica di protezione dei dati e privacy di ExpoClima.