Dossier tecnico

Efficienza della logistica di magazzino: la gestione intelligente degli accessi con i moderni software

La logistica è parte fondamentale della vita di un’azienda; in particolare oggigiorno riuscire a garantire un servizio di trasporto veloce e preciso mantenendo una costante efficienza della logistica è una prerogativa per tutti i produttori.
Che si tratti di caldaie, pannelli solari o sistemi per la domotica, garantire ai propri clienti e partner consegne e ritiri precisi è fondamentale; la soddisfazione in un rapporto commerciale infatti è determinata anche dalla gestione semplice e corretta dei trasferimenti dei prodotti da un luogo all’altro.

Comprendere le cause di eventuali inefficienze e agire con strumenti che aiutino ad evitare errori e ritardi è il modo più corretto per rendere pienamente efficiente il proprio reparto logistico. In particolare l’automazione di alcuni processi e la creazione un database di documenti e certificazioni sono il primo passo per la transizione verso una organizzazione del sistema.

Logistica

I problemi causa di inefficienza del settore logistico di un’azienda

Logistica

Chi si occupa di logistica e magazzino ha ben chiaro quanto la gestione del traffico di automezzi, di documenti, di certificazioni e il controllo dell’arrivo a destinazione della merce sia complicato e dispendioso a livello temporale. L’aggancio scorretto di un rimorchio piuttosto di un altro a una motrice non è un evento così improbabile, tuttavia se dovesse realizzarsi questa eventualità i danni per l’azienda sarebbero davvero consistenti.

I tempi di verifica di tutti i documenti di trasporto da parte degli operatori di portineria sono spesso prolungati e rischiano di creare code di automezzi all’ingresso o all’uscita dei locali di magazzino, la fretta poi rischia di creare danni peggiori, sia nei controlli operati dai portinai che nelle dichiarazioni degli autotrasportatori che spesso sono incomplete o imprecise.

Come eliminare le inefficienze del reparto logistica che rischiano di vanificare gli sforzi nella produzione di prodotti di alta qualità ed efficienza? Come accorciare drasticamente i tempi di controllo di documenti e certificati mantenendo un elevato livello di sicurezza nell’organizzazione dei trasporti?

Le soluzioni per una gestione efficiente della logistica aziendale: automatizzare i processi

Il metodo migliore per velocizzare i processi di gestione dell’attività logistica ottenendo un elevato livello di correttezza delle informazioni e dei trasferimenti è sicuramente quello di sfruttare i nuovi software specifici creati in campo informatico. Software di questo genere permettono di gestire in modo pressoché automatizzato il controllo dei documenti degli autisti e della merce che trasportano, controllare la corrispondenza delle targhe delle matrici e di quelle dei rimorchi a cui vanno associati, avere una visione completa e continua dello stato delle spedizioni, degli arrivi e delle eventuali anomalie.

I nuovi software richiedono un adeguamento delle competenze degli addetti alla portineria ed una variazione nei metodi da utilizzare per svolgere il lavoro, piccole variazioni che tuttavia hanno la facoltà di semplificare in modo marcato le attività quotidiane. L’azienda che adotti un software di gestione dei processi logistici potrebbe inoltre decidere di automatizzare in modo marcato i processi, associando al programma di gestione anche degli strumenti esterni che possano facilitare le operazioni di ingresso e uscita nell’area di carico/scarico merci così come l’acquisizione dei dati da associare: ci si riferisce ad esempio a lettori di targa, lettori di badge, semafori e/o sbarre automatiche.

Logistica

Un’altra potenzialità non trascurabile dell’utilizzo di software di gestione della logistica e dei trasporti può essere sfruttata dalle aziende che hanno più filiali, ed è rappresentata dalla possibilità di utilizzare un unico database condiviso: nei casi in cui un automezzo debba trasportare carichi condivisi tra più sedi il software gestito dagli addetti dell’azienda che operano nelle due diverse sedi permette di avere accesso ai dati per effettuare controlli incrociati e continui, assicurando così un servizio di trasporto efficace.

Case study: l’installazione del software CubeAccess in un centro logistico in provincia di Lodi

Logistica

Tra le aziende che spesso riscontravano problemi di ritardo, mancanza o incompletezza di informazioni e che a volte si ritrovavano ad aver spedito rimorchi alla destinazione sbagliata, c’è il caso di un centro logistico in Provincia di Lodi i cui dirigenti hanno deciso di risolvere il problema adottando un software per il controllo per gli accessi, CubeAccess.

Si tratta di un software che acquisisce le informazioni di campo attraverso 4 telecamere di lettura targhe (due per ciascun senso di marcia per lettura di targa frontale e posteriore) e 2 telecamere di contesto. CubeAccess attiva, mediante la comunicazione con 1 centrale di controllo MASTER con scheda TCP/IP e scheda 8 relè, 2 sbarre automatiche con dispositivo di sgancio in caso di urto, 2 semafori e due lettori di badge 125 KHz interfacciati alla centrale tramite protocollo wiegand.

I normali software di controllo accessi verificano le credenziali degli utenti, abilitano e registrano gli accessi.
CubeAccess, oltre a questo, è in grado di guidare l’operatore di portineria nelle verifiche sui mezzi e di riconoscere in automatico i mezzi registrati nel sistema e i loro rimorchi. Il sistema riconosce la targa del rimorchio, la confronta con i dati presenti in database caricati dall’ufficio traffico relativi al transito del mezzo e avverte l’operatore di portineria in caso di anomalie.

CubeAccess verifica in tempo reale la validità dei documenti relativi a persone e automezzi (documenti di riconoscimento, permessi di soggiorno, carta di circolazione) e avvisa l’operatore di portineria in caso di documenti scaduti.

Considerando che alcuni mezzi possono avere carichi condivisi tra più sedi, CubeAccess può essere esteso a più filiali. Grazie alla struttura del software e alle poche risorse necessarie all’utilizzo, i database di tutte le sedi possono essere sempre allineati. Ciò significa che un mezzo registrato nella sede di Milano, qualora si presentasse anche nella sede di Roma, viene in automatico riconosciuto e l’operatore che deve autorizzarne l’accesso ha visibilità immediata sulle anomalie o note associate (sia a mezzi che a persone). Un utente o un mezzo inserito in blacklist è segnalato istantaneamente in tutte le sedi innalzando il livello di sicurezza.

Logistica